Let me be Frank (“Lasciatemi essere franco” ma anche “Lasciatemi essere Frank”) (QUELLO STRANO MONOLOGO di Kevin Spacey )

Let me be Frank  (“Lasciatemi essere franco” ma anche “Lasciatemi essere Frank”)   (QUELLO STRANO MONOLOGO di Kevin Spacey)

52883899_2264671940265510_6679163281925472256_n

“So cosa volete. Oh certo, possono aver cercato di separarci ma quel che abbiamo è troppo forte, troppo potente e, in fin dei conti, abbiamo condiviso tutto io e voi. Vi ho raccontato i miei segreti più profondi ed oscuri, vi ho mostrato esattamente ciò di cui la gente è capace, vi ho scioccati con la mia onestà, ma più di tutto vi ho sfidati, vi ho fatto riflettere e voi vi siete fidati di me, anche se sapevate che non avreste dovuto.

Non è finita, non importa ciò che tutti affermano. Ed inoltre so cosa volete, volete che io ritorni. Alcuni di certo credono a tutto e hanno semplicemente aspettato col fiato sospeso per ascoltare che io confessassi tutto. Muoiono dalla voglia che io dichiari che tutto ciò che è stato detto sia vero e che io abbia avuto ciò che meritavo. Non sarebbe facile? Se tutto fosse così semplice. Solo voi ed io sappiamo che non è mai stato semplice, non nella politica, non nella vita. Ma voi non credereste al peggio senza prove, giusto? Non vi esprimereste con un giudizio affrettato senza prove, no? L’avete fatto? No, non voi. Siete più intelligenti di così.

Tutta questa supposizione creata per un finale così insoddisfacente, e pensare che sarebbe potuta essere un memorabile commiato. Voi ed io abbiamo imparato in questi ultimi anni che nella vita e nell’arte niente dovrebbe essere messo fuori discussione. Non abbiamo avuto paura di ciò che abbiamo detto, di quello che abbiamo detto, e continuiamo a non averne perché posso promettervi questo. Se non ho pagato il prezzo per le cose che entrambi sappiamo che io ho fatto, di certo non pagherò il prezzo per ciò che non ho fatto.

Di certo diranno che sto mancando di rispetto non giocando secondo le regole, come se prima d’ora avessi giocato seguendo le regole di qualcuno. Non l’ho mai fatto e voi questo lo amavate.

Comunque, nonostante le frottole, l’animosità, i titoli di giornale, l’impeachment senza un processo, nonostante tutto ciò, nonostante la mia stessa morte, mi sento sorprendentemente bene. La mia fiducia cresce giorno dopo giorno e abbastanza presto scoprirete l’intera verità.

Aspettate un secondo. Ora che ci penso, in verità non mi avete mai visto morire, no? Le conclusioni possono essere così ingannevoli.

Vi manco?”.

 

‘The Ventriloquist’ (2012) diretto da Benjamin Leavitt

Annunci

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...